Sezione A.R.I. Bassa Romagna Bagnacavallo

4803 IQ4DW

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Avete mai sentito parlare 2

Stampa

 

Dal traliccio con l’antenna a lato container a…….
 
L’idea iniziale, come si addice a qualsiasi gruppo di radioamatori che si ritrovano in possesso della candela di 30 m. ca. di una gru automontante e di un container da adibire a sala radio è quella di alzare la candela a fianco del container e di attrezzare il tutto con un’antenna HF, una VHF ed ovviamente una UHF.
All’interno del nostro gruppo di lavoro, invece, studiando come sistemare le antenne e in che modo farle arrivare in cima alla candela, sorsero i primi problemi che come ci si può immaginare erano dati dall’altezza, dal peso e, non ultimo, dal poco spazio a disposizione in cima alla candela/traliccio rispetto all’ingombro delle antenne.
Ecco quindi sorgere la necessità di costruire un ballatoio sul quale poter essere certi di poter lavorare, all’occorrenza, senza troppi problemi. In questo modo nacque il primo disegno raffigurante un ballatoio da fissare in cima sul quale far convergere tutto quanto serve alla base delle antenne e nel quale doveva rimanere lo spazio a qualche persona per lavorare senza problemi; fu deciso che il ballatoio occorrente doveva avere almeno due metri per ogni lato, un castelletto al centro al quale ancorare i motori da utilizzare per la rotazione delle antenne, una botola centrale dalla quale accedere al piano ed un palo inox flangiato sul quale poter agganciare i “Mast” di antenne assemblate a terra e per le quali fu previsto l’ancoraggio alla flangia anzidetta a metà dell’altezza totale del traliccio.
Ecco che, a questo punto, abbassare a 15 metri il traliccio per il montaggio delle antenne voleva dire lavorare più in sicurezza ma dover portare comunque un gruppo di antenne abbastanza ingombrante almeno a quell’altezza e la cosa, che a dirsi sembra facile, all’atto pratico lo è un po’ meno. Fu così che imparammo che stava per essere rottamata una piattaforma per servizi elettrici in quota… Come farci scappare l’occasione?? Grazie al buon cuore della Ditta proprietaria del mezzo, riuscimmo ad avere la piattaforma alla quale dovemmo ovviamente fare una manutenzione straordinaria non da poco ma che, a cose ultimate, rimase un’attrezzatura per noi indispensabile.
Eravamo ora in grado di sollevare le antenne fino ad un’altezza più consona ai lavori da effettuarsi al cambio del “Mast – Antenne”. A quel punto l’idea scaturita in uno dei tanti venerdì di sezione…: Perché portare un’antenna HF a 30 m. quando potevamo avere a disposizione un traliccetto di 12 m.? Perché non montare su di esso l’HF e sfruttare l’altezza della gru per VHF ed UHF?…. Dopo un breve ripensamento decidemmo di innalzare il traliccetto da 12 m. partendo dal tetto del container di 12 m. di lunghezza adibito a sala riunioni. Ovviamente occorreva assicurarsi che restasse ben fermo e resistente agli ondeggiamenti provocati dal vento e dalla grandezza dell’antenna in nostro possesso (una Log periodic della Somer). Il basamento approntato e stabilmente ancorato al container ci garantì la robustezza necessaria allo sforzo e così, tre settimane dopo aver avuto l’idea, il traliccio fu innalzato. La quarta settimana fu dedicata al montaggio dell’antenna che richiese non poco lavoro più di taratura che di vero e proprio montaggio… Ma tutto si supera con entusiasmo e vigoria… specie in questo caso in quanto, a questo punto, la postazione radio di campagna era “REALMENTE” attiva in quanto, all’occorrenza, era sufficiente alimentare un ricetrasmettitore per poter essere in grado di collegare ogni parte del mondo... (che bello!!) A questo punto si iniziò a parlare della stazione radio che la sezione ARI di Bagnacavallo stava allestendo in campagna e, come per magia, iniziarono le visite pomeridiane al campo degli amici radioamatori che avendo sentito parlare di quanto accadeva vennero a farci visita e, perché no, a darci suggerimenti e nuove idee per poter sfruttare al meglio quanto già si cominciava ad intravedere sul campo…. Ancora una volta, a seguito del montaggio del traliccetto, il progetto iniziale della candela-traliccio fu così stravolto.
 

Come si decise di procedere dopo aver deciso di dare spazio sulla torre alle frequenze alte….??    ………….Quando possibile lo vedremo con un’altra puntata!

 

Alfredo IK4DM

 

dscn6123lite.jpg

Calendario di Sezione

December 2019
S M T W T F S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4